Bollo auto e Equitalia: l’avviso di accertamento interrompe la prescrizione

Come tutti sappiamo il bollo auto si prescrive in 3 anni, ma la cartella esattoriale notificata al consumatore è valida anche oltre il termine di scadenza se, prima di questa, entro i 3 anni, è stato notificato un avviso di accertamento.

Lo chiarisce la sentenza della Commissione tributaria regionale della Lombardia, Ctr Lombardia – sent. n. 82/13, respingendo il ricorso di un contribuente contro una cartella esattoriale di Equitalia per il mancato pagamento del bollo auto, ritenuto prescritto.
 
Secondo i giudici questa sentenza a sfavore dei consumatori, viene motivata dal fatto che l’avviso di accertamento entro i 3 anni dal mancato pagamento del bollo auto, interrompe la prescrizione e dalla data in cui è arrivata la notifica comincia un nuovo termine triennale. 

A differenza se l’avviso di accertamento dovesse arrivare oltre i 3 anni, allora la cartella esattoriale risulterebbe illegittima e quindi nulla.

Per una consulenza sull’argomento

equitalia@ascii.it