Le birre low cost di marche straniere non sono sempre di buona qualità

I motivi sono la minor presenza di malto e un minore carico fiscale non sempre ottenuto in maniera trasparente.

La legge italiana infatti impone alla birra di avere un “grado saccarometrico” minimo pari a 10,5 gradi plato, equivalente ad un grado alcolico del 3,5%. In Belgio il grado saccarometrico della “birra da tavola di II categoria” (equiparata alla nostra “birra”) oscilla da 7 a 8, mentre in Germania la birra di analogo livello deve superare i 7 gradi.

La birra economica importata dall’estero contiene meno mosto e paga meno tasse rispetto a quella italiana perchè in Italia la birra paga le tasse in relazione al grado plato. Se una birra a bassa gradazione italiana versa 29 centesimi al litro, quelle analoghe importate ne versano 19-20, creando così grossa disparità a livello di concorrenza.

Spesso anche le norme e quindi la sicurezza alimentare è meno rigida dell’Italia, inoltre le birre importate sono birre che hanno una produzione meno recente e che sono state immagazzinate e trasportate per diversi mesi in condizioni non ottimali.

Per restare sempre aggiornato segui il gruppo sul sito http://www.ascii.it/topics/frodi-alimentari

Twitter: @AsCiiConsumer

Per richieste, informazioni e segnalazioni compila il form “contattaci” sul sito www.ascii.it

-*- AsCii Associazione Consumatori Italiani Internet -*-dal 1997 tuteliamo i tuoi diritti