Nessun risarcimento al condòmino per le immissioni di fumo sporadiche provenienti dalla canna del vicino

La Corte di Cassazione, Cass. ord. n. 4093/14 del 20.01.2014., afferma che un condòmino non può chiedere il risarcimento del danno al vicino di casa per i fumi e gli scarichi provenienti dalla sua canna fumaria se queste immissioni sono sporadiche.

Inoltre i giudici della Suprema Corte sottolineano che per ottenere un risarcimento in tribunale, bisogna dimostrare:

– l’intollerabilità delle immissioni, nel caso in oggetto due immissioni a distanza l’una dall’altra non vengono considerate intollerabili. In questi casi, infatti, il pericolo per la salute è solo potenziale e non effettivo;
– la prova dell’esistenza di lesioni fisiche o psichiche causate dagli scarichi provenienti dalla canna fumaria del vicino.

In conclusione per avere un risarcimento, in questi casi, è necessario fornire una prova concreta del danno derivante dalle emissioni nocive della canna fumaria.

Per Info:  

info@condominifelici.it