Sfruttare un malato di Alzheimer per trarne vantaggi economici è reato penale

Nel caso in oggetto un’anziana signora affetta da morbo di Alzheimer è stata convinta dalla vicina a passarle un immobile ad un prezzo irrilevante.

Per la Corte di Cassazione, sez. II, sent. n. 3579 del 24.01.14, in questi casi si configura il reato di circonvenzione di incapace (Art. 643 c.p.). 

Per i giudici la vicina di casa ha, senza mezzi termini, sfruttato la grave malattia dell’anziana signora per prendersi la proprietà. Inutile giustificarsi facendo leva sui rapporti personali che le legano le due persone da molto tempo.

Per una consulenza sull’argomento, contattaci